La chiesa di Sant'Antonio

La chiesa di Posta attualmente chiamata "di Sant'Antonio" fu eretta nel XIV secolo in nome di S. Agostino assieme al convento che ospitava le monache agostiniane devote a S. Maria Maddalena.

Nel corso del '500 la chiesa e il convento passarono ai frati Eremitani Agostiniani che, con alterne vicende, ne sarebbero rimasti custodi fino al XIX secolo. I frati montarono la pala monumentale dell'altare maggiore con la tela raffigurante S. Nicola, l'altare invece è posteriore di un paio di secoli.
Si pensa che la chiesa attuale sia stata preceduta da un'altra molto più piccola.

E' costituita da elementi di epoche diverse tra cui i più antichi sarebbero stati recuperati dalle macerie del castello di Machialone, antico centro del paese di Posta.

Nel '600 il convento agostiniano aveva al primo piano otto stanze, un corridoio e una fontana, al piano superiore nove stanze e un dormitorio.

Nel XVIII secolo, in una nicchia ricavata sulla facciata della chiesa, fu collocata la statua raffigurante S.Agostino o S.Nicola da Tolentino, fino ad allora conservata all'interno dell'edificio. Ricavata da un tronco di salice rosso svuotato all'interno, di altezza naturale, la statua con la mitra dorata e la veste di diversi colori, rappresenta un buon lavoro di scuola abruzzese del XIV-XV secolo.
Quando questa venne sistemata sulla facciata, all'interno della chiesa fu accolta una nuova statua, raffigurante S. Nicola, che sostituiva la precedente. Nel XIX secolo, alla confraternita di S.Agostino subentrò quella diS.Antonioe il culto di questo santo crebbe tanto che alle due statue raffiguranti S.Agostino venne aggiunto un maialino che le rese raffiguranti S.Antonio. Anche la chiesa fu sentita e quindi ribattezzata come chiesa di Sant'Antonio.

In seguito al terremoto del 1997, la chiesa diSant'Antonioè stata dichiarata inagibile. Sono stati eseguiti alcuni interventi di recupero e si sta lavorando per il pieno recupero e la riapertura ai fedeli.

La festa in onore di Sant'Antonio si svolge il 17 gennaio